mercoledì 19 marzo 2014

MUSICA, MAESTRO!

Premessa
Amo la musica al pari della cioccolata. Ovvero non posso vivere senza.
Sono drogata di musica, ecco.
Preferisco il rock, ma amo la buona musica in generale, senza limiti di genere.


Oggi voglio lanciare un appello alle maestre che insegnano musica nelle scuole primarie.

Prima di tutto avete tutta la mia comprensione e la mia stima.
Stare nella stessa stanza con 20-25 bambini muniti di un flauto e due polmoni più grandi della loro gabbia toracica deve essere uno strazio.
A me basta un solo bambino (oltretutto il mio) a farmi desiderare la morte sul colpo.

La musica a scuola (parlo per quella di Diego, le altre non so) è insegnata da una maestra diplomata al Conservatorio. Competente e simpatica, che non guasta mai.
Io credevo che passassero le ore ad ascoltare musichette e battere le mani a tempo; invece già in prima avevano imparato a leggere le note sullo spartito.
Ora che sono in terza sanno (quasi) tutto sui simboli della durata, sulle pause ecc..
Sono molto felice di questa cosa, perchè adesso che assorbono tutto come delle enormi spugne è il momento giusto.
Io l'ho studiata (??!!) da grandicella e ho fatto una fatica enorme, mentre per loro risulta facile come imparare a leggere e scrivere.

Detto questo, avrei delle cosette da suggerire.
Qual è lo scopo dell'insegnare musica a bambini così piccoli?
Come? Cosa dite? Ah...serve per avvicinarli alla musica?
Bene...partiamo da questo.
Ieri ho passato due ore con Diego che provava a suonare una nuova canzone con il flauto.
Lui era stufo e innervosito.
Io vedevo la mia anima abbandonare il mio corpo.
La canzone era oggettivamente, senza mezze misure, orribile. Per niente orecchiabile.
All'inizio ho dato la colpa a lui, magari non era il tempo giusto o chissà cosa.
Poi l'ho cercata su You Tube e ho avuto la conferma...era orribile!
Capisco che bisogna trovare canzoncine abbastanza semplici, ma quella era veramente una sequenza di note senza senso.
E passi la canzone....
Parliamo del flauto.
Ecco, io non sono un'esperta, non ho un orecchio assoluto ma, a occhio e croce, quel tubo di plastica avorio non emette una nota giusta nemmeno se suonato dal signor Bach (non quello dei fiori).
Non crea un suono piacevole, non è immediato.
Perchè non far suonare una mini tastiera? (niente clavietta, la odio!)
Il prezzo non c'entra, perchè con dieci euro in più del flauto si riesce a trovare anche uno strumento decente (visto che viviamo nella città/paese degli strumenti musicali).
Almeno le note sarebbero note e il volume si potrebbe controllare.
Si avrebbero a disposizione più note e, di conseguenza, più canzoni da imparare (magari decenti).
Questa è una mia opinione, ma credo che il flauto allontani i bambini (e non solo loro!) dalla musica.
Gliela faccia odiare.
Passo molto tempo a far ascoltare musica a Diego.
Gli spiego i testi, le storie dei cantanti, dei gruppi.
Gli faccio ascoltare stili diversi, affinchè trovi da solo quello in cui si rispecchia di più.
Ci tengo, perchè, come dicevo, amo visceralmente la musica.
E forse è l'unica vera passione che posso trasmettere a mio figlio.
Ma il flauto mi mette i bastoni tra le ruote.
Avrei voglia di spezzarlo in due e buttarlo dal balcone.

Vi prego, maestre e maestri, in nome della musica, aiutatemi a raccogliere le firme per abolire il flauto a scuola!

6 commenti:

  1. Io sono una maestra...dove devo firmare???
    Daria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUIIIIIIII!!!!!! :-D
      Grazie! Allora non è poi così male come idea...

      Elimina
  2. Cara, ci facciamo un'ottima compagnia!!!
    Giusto ieri il grande magonava innervosito per un DO che non aveva nessuna voglia di uscire da quel ca**o di flauto- che di dolce non ha una pinna!!!
    Figlio mancino e con dita senza neanche un pò di ciccia sui polpastrelli ....ho detto tutto!!
    Io firmo!!!
    Impe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai!!! Siamo già a quota 3 firme!!!

      Elimina
  3. In realtà a me non piace tanto l'idea della musica come materia di insegnamento. Mio figlio la sta facendo perfino all'asilo e boh il senso non lo capisco molto. La musica e' una passione, allora perché non insegnare fotografia? O canto? O recitazione? Vedrei molto più utili e necessari altri corsi ed anche più attuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che, se fatta bene, possa essere un bel modo per avvicinare i bambini ad una cosa che si ritroveranno sempre nella vita (per piacere, per pubblicità, colonne sonore di film ecc..). Ma sono d'accordo con te per insegnare anche altre forme d'arte.
      A scuola di Diego, con la scusa della recita, studiano diversi mesi anche recitazione e ballo.

      Elimina